Giovanni Pagano

... sito di un docente italiano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home

Domande di trasferimento del personale della scuola

E-mail Stampa PDF

Per l'a.s. 2010/2011 l'inoltro delle domande di mobilità "per" e "nell'ambito" della scuola primaria e secondaria di I grado avverrà esclusivamente mediante l'accesso a POLIS (Presentazione On Line IStanze). Il nuovo sistema realizzato dal MIUR, consente la presentazione e l'invio delle istanze rivolte all'Amministrazione "on line".

Rimane, invece, la tradizionale procedura (domande su "carta") per i docenti della scuola dell'infanzia, secondaria di secondo grado, personale educativo, docenti di religione cattolica e personale ATA. Per saperne di più.

Per agevolare le operazioni, il Ministero dell'Istruzione ha messo a disposizione un pacchetto informativo con gli allegati da compilare per le diverse dichiarazioni riguardanti servizi, titoli ed esigenze di famiglia.

 


Notizie flash

Cara Gelmini,

La mamma mi aveva detto che avrei avuto due maestre che mi avrebbero insegnato tutto, poi una per le preghiere e una per inglese.

Non capisco perché non ho ancora visto quella di inglese, quella delle preghiere sì, mentre ogni due o tre ore arriva un’insegnante (qualcuna non sa ancora il mio nome), fa qualcosa e poi se ne va.

 

Ah! Mia sorella più grande, che sa tutto, mi aveva spiegato che avrei fatto un sacco di belle cose: pittura, musica, informatica, pisicomotrici boh, ceramica e altre cose.

Non capisco: è già quasi dicembre, ma io non ho ancora fatto niente di tutto questo!

 

Il mio papà, poi, mi rassicurava dicendo che anche se non capivo tutto subito, una maestra mi avrebbe aiutato con le decine e le unità, le sillabe e i verbi, credo.

Sono piccolo e non capisco, ma io continuo a confondere la b con la d, scrivo male e faccio confusione con i numeri, però nessuna maestra mi aiuta.

 

Lo zio Angelo diceva, addirittura, che saremmo andati a teatro, in gita o a visitare il paese.

Non capisco, ma quasi quasi non andiamo neanche in giardino e in classe non c’è proprio spazio per muoverci.

 

E la zia Anna continua dirmi che non devo aver paura delle supplenti perché sono maestre brave come una delle mie!!

Continuo a non capire perché quando manca una mia maestra, ogni ora ne arriva una nuova che non sa cosa farci fare; a volte, invece, con un gruppo di compagni devo andare in un’altra classe con la sedia e il banco, (spesso per noi non c’è spazio perché sono già in 27) e ascoltiamo quello che fanno in quella classe.

 

Cara Gelmini, io sono piccolo e non capisco, ma questa scuola non mi piace.

 

Un bambino di prima.

 

 

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information